Mazzetti 1846 - catalogo - page 34

Il vitigno
Conosciuto come Barbesino sin dal Medioevo, il suo nome attuale deriva da grignola:
termine dialettale che indica il seme dell’acino d’uva. È un vitigno autoctono a bacca
rossa, tipico dei colli astigiani e del Monferrato casalese, in Piemonte.
Foglia di medie dimensioni, di forma pentagonale con tre/cinque lobi. Media anche le
dimensione del grappolo, compatto e piramidale con ali sviluppate. L’acino è ricco di
vinaccioli e si presenta di colore che tende al rosso-violetto.
Caratteristiche organolettico sensoriali
Dal colore bianco, emana un profumo tenue e delicato. Il suo maggior pregio? La
discrezione del carattere: anziché al vigore dell’alcol, tende a gusto morbido, aromatico
e raffinato. Un sapore esaltato da fragranze floreali ed echi di frutta rossa.
Abbinamento
Ideale come digestivo a fine pasto, abbinato con cioccolato al latte o fondente con
piccoli dolcetti di pasticceria.
Temperatura di servizio
Da servire tra i 9° C e i 13° C, temperatura ideale soprattutto per le grappe giovani e
giovani aromatiche. In caso di dubbio, è consigliabile degustare la grappa leggermente
più fresca, in quanto è sempre poi possibile riscaldarla nel palmo della mano avvolgendo il
bicchiere prima di porgerla al palato.
1...,24,25,26,27,28,29,30,31,32,33 35,36,37,38,39,40,41,42,43,44,...108
Powered by FlippingBook